Ultimi Aggiornamenti degli Eventi

PIZ BERNINA “IMMENSO” NEL DI STASIO

Postato il

piz

 

Giovedì sera, al Martini si entrava nel mese decisivo della stagione a due settimane dall’evento clou, molto pubblico sugli spalti per seguire gli attori in pista. Il centrale della serata, il Gp Marche “Memorial Corrado DI Stasio”, la vittoria è andata a Piz Bernina e Giuseppe Ercegovic per il training e i colori di Luca Sorbino. Piz Bernina ha fatto un vero e proprio numero, vincendo la corsa con ben 69,5 kg, presentato al top dal suo team, parliamo della corsa, che sin dalla vigilia, era molto equilibrata visto anche dalla perizia. Blueberry Wine, in poche battute si portava in testa, il “Piz” si installava subito a tiro, seguito da Mitch, alla dirittura opposta, si iniziava a cambiare registro, Blueberry Wine, apriva i rubinetti e metteva in difficoltà a Piz Bernina che doveva entrare in azione, Mitch sempre a rimorchio. Ingresso in retta di arrivo, con Blueberry Wine ancora in testa, ma con il passare dei metri Piz Bernina trova l’azione giusta ed a 100 dal palo, passa in vantaggio per poi respingere il finale ad effetto di Mitch, che sull’ultima curva era rimasto murato alla corda, resoconto di una corsa stupenda.

SORBINO BIS

Il team romagnolo, in precedenza aveva vinto anche con Give Me Style, corsa molto strana e anche tattica, risolta nel migliore dei modi, con un puntuale Giuseppe Ercegovic in cabina di regia, in avanti facendo la classica cacciarella, per poi giocarsi tutto in una volata di 200 metri finali e cosi è stato, alla resa dei conti i tre cavalli nel tratto finale era praticamente apparigliati, sul palo Give Me Style, salva un collo da Galateo D’Arcadia e Improved Talk nell’ordine.

MONTECCHIARI/DIGIACINTO DOPPIO

In apertura, hanno colpito con Al Kibir e Alessio Satta, che andando al comando a messo subito un ipoteca sulla gara, un vero e proprio canter per il figlio di Gladiatorus, Falcon In The Air finisce  bomba per beffare Miss Dorenice. A metà convegno, classico “Coast To Coast” per Barbegazi, vittoria mai in discussione, impressione ottima per il nuovo acquisto della scuderia Montecchiari, Berenice Fan, regolare come sempre prende il secondo, terza a distacco Eleinore. In chiusura, era la volta dei Gr-Am, corsa mozzafiato, con un dirittura da cardiopalma, si erano staccati Making Noise(Antinori E.) e San Virdis(Battista L.), con i due gentleman locali, come si sul dire tra i due litiganti il terzo gode, infatti sul palo di arrivo San Marcos e Angelo Crocicchia li ha stampati entrambi cogliendo un varco tra i due duellanti, posto d’onore a San Virdis nei confronti di “Making”.

Marco Marinangeli

THE DARK SIDE ILLUMINA IL MARTINI

Postato il

dark

L’ultimo giovedì di Luglio, si entrava nel vivo della stagione, serata ben riuscita sia sotto il punto di vista tecnico, ma anche sotto il punto di vista dello spettacolo, con una cornice di pubblico che riempiva gli spalti. Il centrale della serata , il premio Adriano Diamanti, corsa di spicco per i cavalli di tre anni, il successo è andato a The Dark Side e Gian Pasquale Fois, al training di Cangiano Riccardo, ed Aldo Luongo ai colori, team tutto partenopeo. Vittoria meritata per il figlio di Principe Adepto, che dopo tre secondi posti in altrettante prove, alla sua prima uscita sulla pista del Martini si è trovato a meraviglia, sull’ultima curva veniva richiesto a fondo dal suo interprete, muovendo in terza corsia, mentre Air Force Zulu e Incelebry avevano già ingaggiato il duello. In dirittura The Dark Side con uno scatto imparabile, li mette tutti d’accordo, Air Force Zulu, ha fatto tutta la corsa da protagonista, si è dovuto inchinare alla superiorità del vincitore, terminando secondo e precedendo Incelebry, che fornisce un’ ottima prestazione, calata un po’ nel finale. Il sottoclou, il premio Franco Martini, bel primo piano per Dama di Fiori e Giuseppe Cultraro(terza vittoria consecutiva in stagione). L’allieva di Iacopo Bindi(proprietario e allenatore), ha fatto capire che al Martini ha trovato il suo habitat, risolve la corsa già ai 600 finali, quando si porta in vantaggio e va in piena spinta, nel tratto finale è una passerella per la targata rosa-verde, rincorsa per Ballot Box, prima esperienza in sabbia, test passato positivamente, forse parteciperà al Gp, chiude la trio vincente Inventi. La seconda tris, handicap ben riuscito, a risolvere la contesa è stato Excellent Jack e Cristian Di Napoli. Si installava, all’esterno di Starpower sin dal via, primo giro di tutto comodo, poi all’inizio dell’ultima curva, iniziava ad attaccarlo, in retta d’arrivo si staccava chiaro e netto, dalle retrovie risaliva Bella Senz’Anima, che pizzica sul giustizia a fil di palo Starpower per il posto d’onore. In apertura, nel Premio Nicola E Giuseppe Morici,  Batellik e Salvatore Sulas, l’hanno fatta da padrone, poco più di un lavoro mattutino, serio candidato al “Rita Calcestruzzi” che andrà in scena il 29 Agosto, Wind Dancer fa sua la seconda piazza. In chiusura, il Premio Renato Rino Arnotti, bissano il successo della settimana scorsa Tango Rouisino e Simone Bocci, cavallo che ormai sembra aver trovato la sua dimensione su questa pista, Sunray Spirit  lotta furibonda nel tratto conclusivo con Cassiano Fan, alla fine i due finiscono nell’ordine.

Marco Marinangeli

GIU’ I BINOCOLI PER BLUEBERRY WINE

Postato il

blue

Terzo giovedì di Luglio, programma di routine, con belle corse e sugli spalti un folto parterre. Il centrale della serata, il premio Falegnameria Luciani, è andata a Blueberry Wine e Gian Pasquale Fois, al training di Pierguido Meniconi, peri colori del Sig. Scanzano Rocco Pio. Il figlio di Benny The Bull, ha fatto vedere in questa stagione un crescita esponenziale, ieri era al sesto impegno in 42 giorni, cosa che nell’ippica si vede pochissime volte, tre vittorie e altrettanti piazzamenti, che dire qualcosa di strabiliante; ma parliamo della corsa, subito dalle prime battute si mette al comando della gara, impostando un ritmo selettivo, mettendo in difficoltà il resto della compagnia. Ai 400 finali, il “Blue” apre i rubinetti, allungando facile e per poi isolarsi in dirittura, ormai non si hanno più le parole per questo cavallo che sembra non avere limiti. Secondo Mitch, dopo un ricorsa perdifiato, precedendo Mac Lir, che sembra essere ritornato sugli standard dello scorso anno.

MENICONI TRIS/ FOIS BIS

Per il trainer umbro e il fantino romano arriva il “quick double”, con Romanian Boy, cavallo che rientrava da ben sette mesi e forse neanche prontissimo per l’impegno, li ha messi tutti in riga con un solo parziale, Falcon In The Air, va per varchi  e si salva dal finale ad effetto di Excellent Jack per la seconda piazza. In apertura ancora sugli scudi Meniconi che fa en-plein, vince con Er Grinta e Germano Marcelli, con un tattica perfetta, in testa e pedalare, l’unico a risalire dal gruppo è stato King Of Watson (favorito a 2/5), che però termina alle spalle del figlio di Bold Fact, terzo a distacco Il Ducato. La seconda del programma e anche seconda tris nazionale, ha visto il ritorno al successo di Smalto, sigillo che mancava da oltre due anni, con a bordo il puntuale Alessio Satta, corsa che non gli e venuta benissimo, ma alla fine, con il suo scatto fulminante è venuto a risolvere questo handicap, gioia per i nuovi colori dei Sig.ri Mataloni, per il posto d’onore ancora lavoro per il giudice d’arrivo, che dirama il secondo posto a Lady Varsela, che beffa a fil di palo Bella Senz’Anima. In chiusura, corsa riservata ai Gr-Am, vittoria per Tango Rouisino e Simone Bocci, anche allenatore e proprietario del medesimo, era un pezzo che girava intorno, Sciagurata di nome e di fatto, purtroppo ha trovato il varco per venire a correre quando ormai era troppo tardi, chiude la trio vincente Infinity Power.

BY ROYAL APPROVAL SIGILLO REALE

Postato il

by r

Secondo giovedì di luglio, serata molto ventilata, giornata interlocutoria con programma tutt’altro che interessante. Il centrale della serata è andato a By Royal Approval  e Giuseppe Ercegovic, per il training di Luca Sorbino, ai nuovi colori di Fulvio Canducci. Corsa vinta in partenza, By Royal Approval, non essendo un front-runner dichiarato , ha provato a costruirsi la corsa, facendo un falsa andatura per trequarti di gara. Ai 500 finali il figlio di Approve, apre i rubinetti e va in lunga accelerazione, mettendo in difficoltà la risalita degli avversari. Ingresso in dirittura il jockey romano ha solamente controllato la situazione, due nette le lunghezze che lo separano, da Barrientos che corre molto bene, nonostante la distanza breve, ottima prestazione per San Virdis, che conquista la terza moneta. La seconda Tris, ha visto il dominio di un cavallo che nella stagione del Martini sta letteralmente volando, stiamo parlando di Blueberry Wine, al quinto impegno nella stagione, il quarto consecutivo, vincendo in maniera disarmante. Wandlimb, dopo diversi contrattempi, finalmente l’abbiamo rivista al top, pronta già per il prossimo impegno, fa sua la seconda piazza, nei confronti di  Excellent  Jack. A metà programma andava in scena la corsa riservata ai non professionisti, obbiettivamente la gara più bella della serata. La vittoria di misura per Making Noise e Lorenzo Battista, nei confronti di Crupi The Best e Gabriele Di Gennaro, i due hanno danno vita ad un duello a fruste alzate per tutta la dirittura, che alla fine ha premiato il primo, terzo a contatto Grey Dancing. In apertura, successo per Berenice Fan e Salvatore Basile, corsa di attesa, per poi attaccare la battistrada e volarla via in due tempi di galoppo, si stacca netta nel finale, rincorsa perdifiato per Aravasa al posto d’onore, sul gradino più basso del podio termina Elenoire. In chiusura, ennesima esibizione per Dama di Fiori, che mette in campo un superiorità estrema, come sette giorni fa, Stefano Raimondo Saiu a bordo, ha fatto solamente il passeggero, la lotta solo per le piazze tra i due compagni di allenamento, dopo la foto del giudice d’arrivo, che decreta secondo Lanoso su Jamin Master.

Marco Marinangeli

IL “COOK” ELEGGE GREGORY LIGH, IN MARCIA VERSO IL “DIAMANTI”

Postato il

greg

Giovedì sera, al Martini andava in scena la seconda notturna della stagione, serata ventilata, come sempre un riscontro di pubblico numeroso che si aggirava intorno alle 3000 presenze.Il centrale, il Premio Cook Parrucchieri Hair Spa è andato a Gregory Ligh e Mario Sanna(il fantino del momento) al training di Roberto Di Giacinto, per i colori di Paolo De Dominicis.La figlia di Gregorian si installava subito alle spalle della battistrada Elidjana, seguita da Vanilla Cream e del favorito King Of Watson.Ai 600 conclusivi sferra l’attacco e si porta in vantaggio tallonata dal “King”, i due danno vita a un duello molto vibrate, mentre dalla retrovie gli altri facevano fatica a recuperare.Sul finire della curva di fondo Gregory Ligh riusciva a prendere un lunghezza, anche con l’aiuto della corda, ingresso in dirittura si allungava bene verso il traguardo, King Of Watson piazza d’onore per lui, terza a distacco Vanilla Cream.Il sottoclou, il premio Leonardo Forconi, successo limpido per Piz Bernina e Giuseppe Ercegovic, per il team fucsia-nero targato Sorbino.Mitch(controfavorito) si portava subito in avanti, con Piz Bernina al suo esterno, sembrava veramente un partita a scacchi tra i due, alla dirittura opposta il figlio di Amadeus Wolf, inizia a spingere sull’acceleratore ed ingranare la quinta, Mitch tiene botta, fino all’apice dell’ultima curva, dove Piz Bernina passa e scende in corda, nel tratto finale si stacca netto, ricorsa ottima quella fornita da Michael Corleone che chiude al terzo posto.In apertura, corsa riservata ai non professionisti, vittoria per Sciagurata e Marcello Giordani, ottima impressione per la portacolori della “Ms”, che ha vinto con estrema disinvoltura, battendo il “giallino” Blueberry Wine, che precede Bridge Greygoose.A metà serata, la vendere, poco più di un canter mattutino per Dama Di Fiori e Stefano Raimondo Saiu, Paranormal Beauty vince la corsa degli altri, chiude la trio vincente Caorle.In chiusura, è arrivato il primo piano anche per il Mitico Pera e Gian Pasquale Fois, per la gioia dei fratelli Di Corinto.Il figlio di Kill Cat, la messa subito sul ritmo, ai 500 finali si presentava molto minaccioso Dichmon, cogliendo un po’ in difficolta il leader,  che con il passare dei metri si riprende, ingaggiando uno bello scontro acceso, sul finire della curva finale, Il Mitico Pera mette in campo la sua stamina e torna al comando, per isolarsi facile verso la metà, la lotta per le piazze va a favore di Shadow Rock che pizzica a fil di palo High Tornado.

Marco Marinangeli

CHAPEAUX PER IL CAPITANO

Postato il

capt

Giovedì sera, al Martini di Corridonia, si accendevano i riflettori e iniziavano le tanto attese notturne, vasta la cornice di pubblico sugli spalti. Il centrale della serata, il premio Delio Canullo, se lo aggiudica Captain Dream e Giuseppe Ercegovic, per il training e i colori di Luca Sorbino. Partenza a razzo per il figlio di Captain Gerrard, mettendosi all’esterno di Meda of Odessa, passa in vantaggio ai 400 finali e cambia letteralmente registro andando in piena spinta e isolarsi verso il traguardo. Secondo a distacco Blueberry Wine, che fornisce una buona prestazione, terzo posto per Smartcastle, dopo una rincorsa perdifiato. Il sottoclou, il premio Domenico Cuttone, vittoria di forza per Doctor Gianni e Giulia Coccia. Alla sgabbiata andava in avanti Grey Dancing, primo giro di tutto comodo, poi a metà gara Doctor Gianni sposta e prende la leadership, aumento il ritmo della corsa. Ai 600 la amazzone romana, gioca la carta dell’anticipo e prende chiaro vantaggio dal resto del gruppo, nel finale il distacco effettivo è di ben sette lunghezze, sicuramente lo rivedremo nel GP Città di Corridonia. Shadow Rock, termina al posto d’onore, dopo una corsa d’attesa, precedendo Lanoso. In apertura, andava in scena la seconda Tris Nazionale, il successo è andato a Mario Del Borgo e Salvatore Basile, per la gioia ai colori di Daniele Gallorini, visto che ieri era anche il suo compleanno. Il Mitico Pera, corre molto bene, ha provato a farsela in avanti, ma ha trovato sulla sua strada un cavallo in forma stratosferica, ottima piazza per lui, terza conclude Lady Varsela, da seguire nei prossimi impegni.

DI GIACINTO BIS

A metà convegno, il trainer romano, conquistava un bel primo piano con Sopran Isidora e Mario Sanna, cavalla che dopo il rientro è venuta molto avanti, Tango Rouisiano(favorito netto), fa sua la seconda moneta e Divine Applause(cavalla a 50/1), chiude la tris vincente. Il doppio arriva in chiusura con The Evil Queen e Stefano Raimondo Saiu, vittoria in surpluss, battendo Mighty Jungle un po’ in debito di ossigeno nel finale, essendo al rientro, ottimo il finisher di Elenoire, che sta venedo avanti corsa dopo corsa.

Marco Marinangeli

RAINY DAYS REGINA DEL MARTINI

Postato il

ray dais

Giovedì pomeriggio, andava in scena la terza giornata, sotto un caldo torrido.Il centrale è andato a Rainy Days per la gioia di Massimo Verna, al training di Luis Alberto Acuna, in sella Alessandro Fiori. Rainy Days, ha messo in campo la classe della cavalla superiore, ai  700 prendeva la testa, andando in pieno allungo e involarsi solitaria verso il traguardo, ottimo il secondo posto di Rakmaninov, che precede Bella Senz’Anima. Il sottoclou, condizionata sul miglio allungato, facile vittoria per Munthany e Gavino Sanna. Il portacolori di casa Pusceddu, se la doveva vedere con lo specialista per eccellenza della sabbia Piz Bernina, infatti alla vigilia era un match, scelta tattica resa vincente per il fantino sardo, che sposta in terza corsia alla dirittura opposta , mentre il Piz rimaneva murato alla corda. Ingresso in dirittura il figlio di Raven’s Pass si staccava chiaramente, dimostrando di essere attualmente il cavallo più forte in sabbia, mentre Piz Bernina pizzicava a fil di palo Mitch per la seconda moneta. Mitch, ha fatto un buon rientro correndo da protagonista, sicuramente da seguire per le prossime su distanze più brevi. In apertura, era volta della prima corsa della stagione per i cavalli di due anni, bel primo piano per Wind Dancer e Giuseppe Ercegovic, per i colori di Graziano Zamparini. L’allieva allenata da Marco Manca se l’ ha fatta tutta di un fiato, approfittando dello steccato basso, si installava al comando, subito a tiro April Galaxy, i due concorrenti si sono staccati dal gruppo. Alla resa dei conti Wind Dancer, ha respinto tutti gli attacchi della rivale, salvandosi di trequarti di lunghezza, chiude la trio vincente Dafne di Agnano. A metà programma,  nel handicap di minima sul chilometro, successo per Blueberry Wine e Gp. Fois, anche in maniera agevole, battendo Meda Of Odessa, che riscatta la brutta prestazione precedente, terzo termina Falcon in the Air. In chiusura, una vera e propria passeggiata per King Of Watson e Giuseppe Ercegovic(doppio in giornata), doppio anche per Pierguido Meniconi (in veste di allenatore), seconda piazza per Er Grinta, che ha provato a farsela in testa, cercando di mettere in difficoltà la compagnia, ma si è dovuto inchinare alla superiorità del vincitore, sul gradino più basso del podio finisce Il Ducato.

Marco Marinangeli