Ultimi Aggiornamenti degli Eventi

“SPRITZ AL MARTINI con PAPARAZZI”

Immagine Postato il

29 agosto mm-001

STANDING OVATION PER MICHAEL CORLEONE

Postato il

michael

Giovedi sera al Martini, andava in scena il penultimo appuntamento della stagione 2019, classico convegno di routine. Il centrale della serata, il memorial Antonio Luongo, abbiamo visto un fenomeno chiamato Michael Corleone con in sella Maikol Arras, che hanno dominato la corsa vincendo di ben 11 lunghezze fermando il tempo 1.58.66, che sulla distanza dei 1750 è il record della pista. Impressionante la prestazione dell’allievo di Valter Pusceddu, che in solo parziale ha chiuso il discorso vittoria, veramente un prestazione super, al posto d’onore Galateo D’Arcadia, cha ha avuto un percorso da incubo, chiude la trio vincente By Royal Approval, che non riuscendosi ad esprimere in avanti, corre all’attesa e finisce bene in fondo. Il sottoclou, il memorial Antonello Corrias, facile assunto per Captain Dream e Giuseppe Ercegovic, che prendeva il comando in breve, scandendo parziali selettivi, ingresso in dirittura si isolava verso la metà, Kelerougg ha vinto la corsa degli altri, chiudendo al secondo posto, terzo Aubertin.

ERCEGOVIC BIS

In apertura il fantino romano, aveva colpito a bordo di Fairy Rules, anticipando sul percorso la mossa di Unique Diamond(controfavorito), alla resa dei conti i due finiscono vicini, ma il “Fairy”, salva un lunghezza comoda dall’avversario. La corsa riservata ai non professionisti, se l’aggiudica Sciagurata e Leonardo Forlini, subito in testa, cerca di graduare, poi andando in allungo all’apice dell’ultima curva, Brema la marcava da vicino sin dal via. All’ ingresso in dirittura si concretizza il match tra le due che vede spuntare alla fine la targata “Ms”,che salva un’incollatura dalla rivale, arrivo veramente avvincente tra i due gentleman, terzo Kerry Icon. In chiusura, ritorno alla vittoria per Bella Senz’Anima e Mario Sanna(diciassettesimo impegno stagionale), una cavalla davvero eccezionale, tre vittorie e nove piazzamenti per lei nel 2019. La figlia di Arcano si staccava in lotta con Starpower ai 300 finale, cambia azione e stacca bene nel tratto finale, Starpower dopo la facile vittoria all’ultima, qui ha trovato un’avversaria in forma super, sul gradino più basso del podio termina Excellent Jack. (foto Garofalo)

Vi aspettiamo Giovedi 29 Agosto con l’ultimo appuntamento della stagione 2019.

Non mancate!!!!

Marco Marinangeli

DOCTOR GIANNI SUA LA 62° EDIZIONE DEL GP

Postato il

GIORNALE

Venerdì sera al Martini andava in scena il Big Event della stagione, la serata del Gran Premio Città di Corridonia, bagno di folla, in 4000 sugli spalti. Qualche novità in questa serata, ogni corsa era associata ad un artista locale, che in premiazione donava un quadro al proprietario del cavallo vincitore. L’elenco degli artisti erano: Nero Ciocci, Daniela Ripani, Silvio Craia, Gabriella Cesca, Leonardo Serafini, Mario Migliorelli. A vincere la 62° edizione è stato Doctor Gianni e Giuseppe Ercegovic, per il training di Francesco Santella e ai colori di Leonardi Daniela. Il tutto sotto l’egida di Giulia Coccia. Successo inaspettato per il figlio di Royal Applause, che dal primo metro di gara si installava al comando, andatura di tutto comodo per trequarti del percorso, poi a 400 finali andava in lunga progressione, seguito da Magic Jazz e Americanism. Ingresso in dirittura d’arrivo il “Doctor” respinge tutti gli attacchi degli avversari , mettendoli tutti in riga, dal primo all’ultimo metro, Magic Jazz, ci ha provato in tutti i modi, ma si è dovuto inchinare al vincitore, eroico Americanism, che perdendo la sgabbiata, recupera in breve, per poi marcare da vicino Alshalaal, uno dei papabili, facendo due giri e mezzo in terza corsia, nonostante il tutto concludendo in piena spinta.Tre i flop che non ci si aspettava, Alshalaal, correndo da protagonista, era già battuto a palo lontano, Dama Di Fiori, veniva da tre vittorie consecutive si presentava con il fascino della cavalla imbattuta in stagione, l’altro Can Chen Junga, che correndo contro schema, termina nelle retrovie. Il premio Paolo Ridolfi, affermazione per Galateo D’Arcadia e Devis Cescon, che finalmente ritorna al top, scatto imparabile per l’allievo allenato da Roberto Di Giacinto, nel finale gli era andata indietro la sella, Making Noise, che nel periodo sta crescendo di condizione, conclude al posto d’onore respingendo l’ultimo affondo di Battle Commence. Il Premio Daniele Porcu, vittoria per Declarationoflove e Ivan Rossi, impostando subito un buon ritmo di corsa, poi allungo decisivo ai 300 finali, per isolarsi nel tratto conclusivo, la lotta per le piazze se l’aggiudica Give Me style a favore di Paronormal Beauty. In apertura, facile assunto per Daser e Carlo Fiocchi, poco più di canter mattutino, a largo distacco termina, Un Uomo Felice. La quarta corsa, Elenoire si toglie la qualifica di maiden, va davanti mettendo subito sul ritmo e si stacca chiara e netta nel finale, Rapture e Gregory Ligh terminano nell ‘ordine.In Chiusura, bel primo piano per Chanel Tango e Riccardo Iacopini, classico “coast to coast”, secondo posto per Bella Senz’Anima che cancella la brutta prestazione della scorsa settimana, chiude la trio vincente A Few Good Men. (foto Garofalo)

Marco Marinangeli

KELEROUGG DA CIRCOLETTO ROSSO

Postato il

kele

Giovedì sera, andava il scena la decima giornata della stagione, classica riunione di routine, serata ventilata con un buon pubblico, peccato che gli attori pista non erano molti. Il centrale della serata, il premio Marche Sprinter Cup – Memorial Sampaoli Giuseppe, la vittoria è andata a Kelerougg e Germano Marcelli, per il training di Mario Massimi, per la gioia ai colori del Sig. Persico Daniele. Corsa vinta tatticamente, mettendosi subito nella schiena del favorito Captain Dream, che spendeva un patrimonio in partenza, battagliando con Al Kibir per la testa della gara, sul finire della curva il “Capitano” passava in vantaggio, ma si vedeva subito la figura di Kelerougg che all’ingresso in dirittura di arrivo gli fa lo spunto addosso, avendo risparmiato nella prima parte. Duello a fruste alzate per tutto il rettilineo finale, alla resa dei conti Kelerougg completa il sorpasso, mettendo una mezza lunghezza il distacco ufficiale, nei confronti di Captain Dream, che ancora un volta fa il suo, per la terza moneta dalle retrovie risale molto bene Falcon In the Air. Il sottoclou, il premio Ristorante Ippodromo, successo per Doublethink e Alessio Satta, cavallo che per la prima volta affrontava il doppio chilometro, esame superato a pieno merito, battendo uno dei cavalli più regolari della piazza, King Of Watson, i due si sono staccati, ai 600 andando in piena spinta, infatti il “King” sembrava aver chiuso la pratica, invece con il passare dei metri è andato in debito di ossigeno, invece Doublethink iniziava a prendere la pedalata giusta, apparigliando l’avversario sul finire della curva finale per staccare chiaro e netto togliendosi anche la qualifica di maiden, terzo per la cronaca Vanilla Cream. La terza del programma, passeggiata di salute per Chanel Tango e Marcello Giordani, che si istallavano al comando, primo passaggio tranquillo, poi allungo decisivo sulla dirittura opposta, vincendo di sei lunghezze, nei confronti di Sciagurata che precede Kerry Icon. In apertura, bel primo piano per Fairy Rules e Mario Sanna, scatto imparabile ai 400 finali, andando in piena spinta, vincendo di cento metri, la bagarre per il secondo posto viene risolta da Dichmon a discapito di Il Mitico Pera. In chiusura, facile assunto per Starpower e Gp Fois, ritornando sugli standard del passato, ha risolto con un solo parziale la corsa, allungando molto bene nel tratto conclusivo, Wandlimb con il pesino ha provato a farsela in avanti, ma si è dovuta inchinare al vincitore, chiude la trio Excellent Jack , che come sempre da la sua prestazione.

Vi aspettiamo Venerdì 16 Agosto, andrà in scena il Gran Premio Città Di Corridonia.

Non Mancate!!!!

Marco Marinangeli

MODIFICA GIORNO DEI PARTENTI

Postato il Aggiornato il

part

Comunichiamo che i partenti della giornata del  Citta’ di Corridonia si effettueranno il giorno  13 Agosto entro le ore 9:30

PIZ BERNINA “IMMENSO” NEL DI STASIO

Postato il

piz

 

Giovedì sera, al Martini si entrava nel mese decisivo della stagione a due settimane dall’evento clou, molto pubblico sugli spalti per seguire gli attori in pista. Il centrale della serata, il Gp Marche “Memorial Corrado DI Stasio”, la vittoria è andata a Piz Bernina e Giuseppe Ercegovic per il training e i colori di Luca Sorbino. Piz Bernina ha fatto un vero e proprio numero, vincendo la corsa con ben 69,5 kg, presentato al top dal suo team, parliamo della corsa, che sin dalla vigilia, era molto equilibrata visto anche dalla perizia. Blueberry Wine, in poche battute si portava in testa, il “Piz” si installava subito a tiro, seguito da Mitch, alla dirittura opposta, si iniziava a cambiare registro, Blueberry Wine, apriva i rubinetti e metteva in difficoltà a Piz Bernina che doveva entrare in azione, Mitch sempre a rimorchio. Ingresso in retta di arrivo, con Blueberry Wine ancora in testa, ma con il passare dei metri Piz Bernina trova l’azione giusta ed a 100 dal palo, passa in vantaggio per poi respingere il finale ad effetto di Mitch, che sull’ultima curva era rimasto murato alla corda, resoconto di una corsa stupenda.

SORBINO BIS

Il team romagnolo, in precedenza aveva vinto anche con Give Me Style, corsa molto strana e anche tattica, risolta nel migliore dei modi, con un puntuale Giuseppe Ercegovic in cabina di regia, in avanti facendo la classica cacciarella, per poi giocarsi tutto in una volata di 200 metri finali e cosi è stato, alla resa dei conti i tre cavalli nel tratto finale era praticamente apparigliati, sul palo Give Me Style, salva un collo da Galateo D’Arcadia e Improved Talk nell’ordine.

MONTECCHIARI/DIGIACINTO DOPPIO

In apertura, hanno colpito con Al Kibir e Alessio Satta, che andando al comando a messo subito un ipoteca sulla gara, un vero e proprio canter per il figlio di Gladiatorus, Falcon In The Air finisce  bomba per beffare Miss Dorenice. A metà convegno, classico “Coast To Coast” per Barbegazi, vittoria mai in discussione, impressione ottima per il nuovo acquisto della scuderia Montecchiari, Berenice Fan, regolare come sempre prende il secondo, terza a distacco Eleinore. In chiusura, era la volta dei Gr-Am, corsa mozzafiato, con un dirittura da cardiopalma, si erano staccati Making Noise(Antinori E.) e San Virdis(Battista L.), con i due gentleman locali, come si sul dire tra i due litiganti il terzo gode, infatti sul palo di arrivo San Marcos e Angelo Crocicchia li ha stampati entrambi cogliendo un varco tra i due duellanti, posto d’onore a San Virdis nei confronti di “Making”.

Marco Marinangeli

THE DARK SIDE ILLUMINA IL MARTINI

Postato il

dark

L’ultimo giovedì di Luglio, si entrava nel vivo della stagione, serata ben riuscita sia sotto il punto di vista tecnico, ma anche sotto il punto di vista dello spettacolo, con una cornice di pubblico che riempiva gli spalti. Il centrale della serata , il premio Adriano Diamanti, corsa di spicco per i cavalli di tre anni, il successo è andato a The Dark Side e Gian Pasquale Fois, al training di Cangiano Riccardo, ed Aldo Luongo ai colori, team tutto partenopeo. Vittoria meritata per il figlio di Principe Adepto, che dopo tre secondi posti in altrettante prove, alla sua prima uscita sulla pista del Martini si è trovato a meraviglia, sull’ultima curva veniva richiesto a fondo dal suo interprete, muovendo in terza corsia, mentre Air Force Zulu e Incelebry avevano già ingaggiato il duello. In dirittura The Dark Side con uno scatto imparabile, li mette tutti d’accordo, Air Force Zulu, ha fatto tutta la corsa da protagonista, si è dovuto inchinare alla superiorità del vincitore, terminando secondo e precedendo Incelebry, che fornisce un’ ottima prestazione, calata un po’ nel finale. Il sottoclou, il premio Franco Martini, bel primo piano per Dama di Fiori e Giuseppe Cultraro(terza vittoria consecutiva in stagione). L’allieva di Iacopo Bindi(proprietario e allenatore), ha fatto capire che al Martini ha trovato il suo habitat, risolve la corsa già ai 600 finali, quando si porta in vantaggio e va in piena spinta, nel tratto finale è una passerella per la targata rosa-verde, rincorsa per Ballot Box, prima esperienza in sabbia, test passato positivamente, forse parteciperà al Gp, chiude la trio vincente Inventi. La seconda tris, handicap ben riuscito, a risolvere la contesa è stato Excellent Jack e Cristian Di Napoli. Si installava, all’esterno di Starpower sin dal via, primo giro di tutto comodo, poi all’inizio dell’ultima curva, iniziava ad attaccarlo, in retta d’arrivo si staccava chiaro e netto, dalle retrovie risaliva Bella Senz’Anima, che pizzica sul giustizia a fil di palo Starpower per il posto d’onore. In apertura, nel Premio Nicola E Giuseppe Morici,  Batellik e Salvatore Sulas, l’hanno fatta da padrone, poco più di un lavoro mattutino, serio candidato al “Rita Calcestruzzi” che andrà in scena il 29 Agosto, Wind Dancer fa sua la seconda piazza. In chiusura, il Premio Renato Rino Arnotti, bissano il successo della settimana scorsa Tango Rouisino e Simone Bocci, cavallo che ormai sembra aver trovato la sua dimensione su questa pista, Sunray Spirit  lotta furibonda nel tratto conclusivo con Cassiano Fan, alla fine i due finiscono nell’ordine.

Marco Marinangeli

GIU’ I BINOCOLI PER BLUEBERRY WINE

Postato il

blue

Terzo giovedì di Luglio, programma di routine, con belle corse e sugli spalti un folto parterre. Il centrale della serata, il premio Falegnameria Luciani, è andata a Blueberry Wine e Gian Pasquale Fois, al training di Pierguido Meniconi, peri colori del Sig. Scanzano Rocco Pio. Il figlio di Benny The Bull, ha fatto vedere in questa stagione un crescita esponenziale, ieri era al sesto impegno in 42 giorni, cosa che nell’ippica si vede pochissime volte, tre vittorie e altrettanti piazzamenti, che dire qualcosa di strabiliante; ma parliamo della corsa, subito dalle prime battute si mette al comando della gara, impostando un ritmo selettivo, mettendo in difficoltà il resto della compagnia. Ai 400 finali, il “Blue” apre i rubinetti, allungando facile e per poi isolarsi in dirittura, ormai non si hanno più le parole per questo cavallo che sembra non avere limiti. Secondo Mitch, dopo un ricorsa perdifiato, precedendo Mac Lir, che sembra essere ritornato sugli standard dello scorso anno.

MENICONI TRIS/ FOIS BIS

Per il trainer umbro e il fantino romano arriva il “quick double”, con Romanian Boy, cavallo che rientrava da ben sette mesi e forse neanche prontissimo per l’impegno, li ha messi tutti in riga con un solo parziale, Falcon In The Air, va per varchi  e si salva dal finale ad effetto di Excellent Jack per la seconda piazza. In apertura ancora sugli scudi Meniconi che fa en-plein, vince con Er Grinta e Germano Marcelli, con un tattica perfetta, in testa e pedalare, l’unico a risalire dal gruppo è stato King Of Watson (favorito a 2/5), che però termina alle spalle del figlio di Bold Fact, terzo a distacco Il Ducato. La seconda del programma e anche seconda tris nazionale, ha visto il ritorno al successo di Smalto, sigillo che mancava da oltre due anni, con a bordo il puntuale Alessio Satta, corsa che non gli e venuta benissimo, ma alla fine, con il suo scatto fulminante è venuto a risolvere questo handicap, gioia per i nuovi colori dei Sig.ri Mataloni, per il posto d’onore ancora lavoro per il giudice d’arrivo, che dirama il secondo posto a Lady Varsela, che beffa a fil di palo Bella Senz’Anima. In chiusura, corsa riservata ai Gr-Am, vittoria per Tango Rouisino e Simone Bocci, anche allenatore e proprietario del medesimo, era un pezzo che girava intorno, Sciagurata di nome e di fatto, purtroppo ha trovato il varco per venire a correre quando ormai era troppo tardi, chiude la trio vincente Infinity Power.

BY ROYAL APPROVAL SIGILLO REALE

Postato il

by r

Secondo giovedì di luglio, serata molto ventilata, giornata interlocutoria con programma tutt’altro che interessante. Il centrale della serata è andato a By Royal Approval  e Giuseppe Ercegovic, per il training di Luca Sorbino, ai nuovi colori di Fulvio Canducci. Corsa vinta in partenza, By Royal Approval, non essendo un front-runner dichiarato , ha provato a costruirsi la corsa, facendo un falsa andatura per trequarti di gara. Ai 500 finali il figlio di Approve, apre i rubinetti e va in lunga accelerazione, mettendo in difficoltà la risalita degli avversari. Ingresso in dirittura il jockey romano ha solamente controllato la situazione, due nette le lunghezze che lo separano, da Barrientos che corre molto bene, nonostante la distanza breve, ottima prestazione per San Virdis, che conquista la terza moneta. La seconda Tris, ha visto il dominio di un cavallo che nella stagione del Martini sta letteralmente volando, stiamo parlando di Blueberry Wine, al quinto impegno nella stagione, il quarto consecutivo, vincendo in maniera disarmante. Wandlimb, dopo diversi contrattempi, finalmente l’abbiamo rivista al top, pronta già per il prossimo impegno, fa sua la seconda piazza, nei confronti di  Excellent  Jack. A metà programma andava in scena la corsa riservata ai non professionisti, obbiettivamente la gara più bella della serata. La vittoria di misura per Making Noise e Lorenzo Battista, nei confronti di Crupi The Best e Gabriele Di Gennaro, i due hanno danno vita ad un duello a fruste alzate per tutta la dirittura, che alla fine ha premiato il primo, terzo a contatto Grey Dancing. In apertura, successo per Berenice Fan e Salvatore Basile, corsa di attesa, per poi attaccare la battistrada e volarla via in due tempi di galoppo, si stacca netta nel finale, rincorsa perdifiato per Aravasa al posto d’onore, sul gradino più basso del podio termina Elenoire. In chiusura, ennesima esibizione per Dama di Fiori, che mette in campo un superiorità estrema, come sette giorni fa, Stefano Raimondo Saiu a bordo, ha fatto solamente il passeggero, la lotta solo per le piazze tra i due compagni di allenamento, dopo la foto del giudice d’arrivo, che decreta secondo Lanoso su Jamin Master.

Marco Marinangeli

IL “COOK” ELEGGE GREGORY LIGH, IN MARCIA VERSO IL “DIAMANTI”

Postato il

greg

Giovedì sera, al Martini andava in scena la seconda notturna della stagione, serata ventilata, come sempre un riscontro di pubblico numeroso che si aggirava intorno alle 3000 presenze.Il centrale, il Premio Cook Parrucchieri Hair Spa è andato a Gregory Ligh e Mario Sanna(il fantino del momento) al training di Roberto Di Giacinto, per i colori di Paolo De Dominicis.La figlia di Gregorian si installava subito alle spalle della battistrada Elidjana, seguita da Vanilla Cream e del favorito King Of Watson.Ai 600 conclusivi sferra l’attacco e si porta in vantaggio tallonata dal “King”, i due danno vita a un duello molto vibrate, mentre dalla retrovie gli altri facevano fatica a recuperare.Sul finire della curva di fondo Gregory Ligh riusciva a prendere un lunghezza, anche con l’aiuto della corda, ingresso in dirittura si allungava bene verso il traguardo, King Of Watson piazza d’onore per lui, terza a distacco Vanilla Cream.Il sottoclou, il premio Leonardo Forconi, successo limpido per Piz Bernina e Giuseppe Ercegovic, per il team fucsia-nero targato Sorbino.Mitch(controfavorito) si portava subito in avanti, con Piz Bernina al suo esterno, sembrava veramente un partita a scacchi tra i due, alla dirittura opposta il figlio di Amadeus Wolf, inizia a spingere sull’acceleratore ed ingranare la quinta, Mitch tiene botta, fino all’apice dell’ultima curva, dove Piz Bernina passa e scende in corda, nel tratto finale si stacca netto, ricorsa ottima quella fornita da Michael Corleone che chiude al terzo posto.In apertura, corsa riservata ai non professionisti, vittoria per Sciagurata e Marcello Giordani, ottima impressione per la portacolori della “Ms”, che ha vinto con estrema disinvoltura, battendo il “giallino” Blueberry Wine, che precede Bridge Greygoose.A metà serata, la vendere, poco più di un canter mattutino per Dama Di Fiori e Stefano Raimondo Saiu, Paranormal Beauty vince la corsa degli altri, chiude la trio vincente Caorle.In chiusura, è arrivato il primo piano anche per il Mitico Pera e Gian Pasquale Fois, per la gioia dei fratelli Di Corinto.Il figlio di Kill Cat, la messa subito sul ritmo, ai 500 finali si presentava molto minaccioso Dichmon, cogliendo un po’ in difficolta il leader,  che con il passare dei metri si riprende, ingaggiando uno bello scontro acceso, sul finire della curva finale, Il Mitico Pera mette in campo la sua stamina e torna al comando, per isolarsi facile verso la metà, la lotta per le piazze va a favore di Shadow Rock che pizzica a fil di palo High Tornado.

Marco Marinangeli